Articolo 14; Tecnici sportivi

Articolo 14; Tecnici sportivi

  1. I tecnici sportivi sono soggetti dell’ordinamento sportivo federale nella qualifica loro attribuita dai Regolamenti Federali e devono esercitare la loro attività con lealtà sportiva, osservando il presente Statuto e i regolamenti federali, nonché i principi e le consuetudini sportive, tenendo conto in particolare della funzione sociale, educativa e culturale di tale attività.
  2. I tecnici sportivi devono inoltre osservare le norme e gli indirizzi del CIO e del CONI, nonché le norme e gli indirizzi della FIVB, purché non in contrasto con le norme e gli indirizzi del CIO e del CONI.

 

Commento

Anche i tecnici sono tesserati per la FIPAV e, per effetto del tesseramento, hanno l’obbligo di rispettare le norme dell’ordinamento sportivo.

I tecnici sono tesserati secondo le qualifiche assegnate dalle norme federali, in particolare dal Regolamento Struttura Tecnica – Settore Allenatori  che prevede che sono allenatori gli aderenti alla FIPAV che, contemporaneamente, abbiano ottenuto la relativa nomina che li abilita a dirigere la preparazione tecnica e fisica delle squadre aderenti alla FIPAV e a condurre tecnicamente le stesse nel corso delle gare e siano inseriti nel quadro nazionale allenatori e in quelli regionale e provinciale.

Possono essere nominati allenatori i cittadini italiani o stranieri che abbiano compiuto il 18° anno di età, siano di buona condotta morale e civile, abbiano superato le prescritte prove di abilitazione, abbiano formalmente aderito alla FIPAV con la sottoscrizione del tesseramento, versato la relativa tassa annuale e adempiuto all’obbligo di aggiornamento professionale.

Gli allenatori della FIPAV si distinguono in allievo allenatore praticante, allievo allenatore primo livello giovanile, allenatore di primo grado primo livello giovanile, allenatore di primo grado secondo livello giovanile, allenatore di secondo grado primo o secondo livello giovanile, allenatore di secondo grado terzo livello giovanile, allenatori di terzo grado terzo livello giovanile, allenatore benemerito.

Nella categoria dei tecnici rientrano altresì i preparatori sportivi che sono gli aderenti alla FIPAV che abbiano ottenuto la relativa abilitazione attraverso il superamento dell’esame finale del corso nazionale di formazione indetto e organizzato dal Settore Tecnico. I preparatori fisici della pallavolo, con l’abilitazione, vengono inseriti in un apposito quadro tecnico.

Possono essere nominati preparatori fisici i cittadini italiani o stranieri che siano di buona condotta morale e civile, abbiano frequentato e superato il corso per il conseguimento della qualifica, abbiano formalmente aderito alla FIPAV con la sottoscrizione del tesseramento e versato la relativa tassa.

I preparatori fisici, per lo svolgimento della propria attività, dovranno tesserarsi per una società affiliata alla FIPAV (tesseramento societario), con la possibilità di svolgere e seguire direttamente sul campo di gioco la fase di riscaldamento e del post gara della squadra di appartenenza, previo inserimento del nominativo nell’elenco dei partecipanti alla gara e riconoscimento da parte degli arbitri.  Il preparatore fisico, durante le fasi di gara, non può sedere in panchina.